martedì 24 aprile 2018

Rigatoni, funghi, pangrattato e mandorle


#LeMieRicette


Se disponete soltanto di una mezzoretta di tempo per preparare il pranzo e siete nel panico più totale, provate la mia ricetta, ne impiegherete ancora meno e magari vi avanzerà anche qualche minuto per mettere in tavola una bruschettina come antipasto o una bella insalata mista.




Ingredienti
per 4 persone

350 gr di rigatoni
200 gr di funghi champignon
pangrattato
mandorle non tostate tagliate a lamelle
vino bianco qb
prezzemolo tritato
pepe
olio extravergine di oliva
grana grattugiato (facoltativo)


Ho pulito e affettato i funghi e li ho fatti rosolare insieme ad uno spicchio d'aglio con l'olio extravergine di oliva in una padella, li ho fatti sfumare con un po' di vino bianco, ho salato e pepato. Dopo aver proseguito la cottura per qualche minuto ho aggiunto pangrattato, prezzemolo tritato e mandorle a lamelle. Ho fatto saltare in padella i rigatoni cotti contemporaneamente al condimento, ho impiattato aggiungendo su ogni porzione altro prezzemolo tritato e mandorle. Facoltativa una spolverata di grana grattugiato.


venerdì 20 aprile 2018

Gomiti con funghi champignon e cimette di cavolfiore


#LeMieRicette

Il mio amore per gli ortaggi e per la pasta mi porta a tentare spesso nuove combinazioni di questi alimenti con i quali realizzo primi piatti con intingoli particolari con o senza pomodoro, utilizzando in questo caso altri ingredienti per amalgamare il condimento. Quest'oggi la mia farneticante fantasia culinaria ha fatto sì che realizzassi i Gomiti con funghi champignon e cimette di cavolfiore.



Ingredienti
per 4 persone

350 gr di pasta formato gomiti
200 gr di funghi champignon
200 gr di cavolfiore verde
una spruzzata di vino bianco
mezzo bicchiere di salsa
mezzo bicchiere d'acqua
un pizzico di peperoncino
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
sale grana grattugiato


Ho pulito i funghi e li ho tagliati a fettine sottili. Ho diviso il cavolfiore in cimette che ho lavato accuratamente sotto l'acqua corrente e poi ho asciugato con un canovaccio pulito. Ho fatto imbiondire uno spicchio d'aglio con l'olio extravergine di oliva in una capiente padella nella quale ho successivamente aggiunto i funghi che ho fatto sfumare con una spruzzatina di vino bianco. Ho introdotto le cimette dicavolfiore, mezzo bicchiere di salsa, mezzo bicchiere d'acqua, sale qb, un pizzico di peperoncino ed ho lasciato cuocere a fuoco medio, con il coperchio, per una ventina di minuti. In contemporanea ho lessato la pasta in abbondante acqua salata, l'ho scolata e l'ho fatta saltare in padella insieme al condimento, mescolando bene a fuoco basso. Ho impiattato e spolverizzato ogni porzione con formaggio grana grattugiato.







martedì 17 aprile 2018

Spaghetti pesto, carciofi e gamberetti in collaborazione con Cantine Del Notaio


#LeMieRicette #Collaborazioni

Buongiorno e ben trovati. Oggi vi posto una ricettina davvero niente male che abbiamo gustato annaffiata da un ottimo vino gentilmente offerto dall'azienda agricola Cantine Del Notaio con cui Farneticazioni Culinarie è in collaborazione. Prima di parlarvi di quest'azienda vi racconto la mia ricetta cominciando dagli ingredienti.




Ingredienti
per 4 persone

350 gr di spaghetti
4 carciofi
200 gr di gamberetti
180 gr di pesto di basilico
miscellanea di pepe in grani
mezzo limone 
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
sale


Ho pulito i carciofi, li ho tagliati a spicchi, li ho strofinati con mezzo limone per non farli annerire e li ho sbollentati per qualche minuto in acqua non salata quindi li ho scolati e li ho messi da parte. Ho lavato e sgusciato i gamberetti. Ho fatto imbiondire uno spicchio d'aglio in olio extravergine di oliva usando una padella piuttosto capiente. Ho aggiunto i carciofi, li ho fatti cuocere per qualche minuto rimestando e poi li ho fatti sfumare con una spruzzata di vino bianco, ovviamente ho usato il Preliminare. A questo punto ho incorporato i gamberetti ed ho lasciato cuocere per 2 o 3 minuti, non di più perchè se cuociono troppo perdono il loro sapore e si restringono, ho versato il pesto, ho mescolato ancora, ho aggiunto anche gli spaghetti fatti cuocere in contemporanea e li ho fatti saltare insieme al condimento. Ho impiattato aggiungendo su ogni porzione della miscellanea di pepe in grani.





Come vi dicevo prima, abbiamo gustato questo stuzzicante primo piatto che ha avuto un gran successo in tavola accompagnandolo con il vino bianco secco Il Preliminare, annata 2017, dell'azienda agricola Cantine Del Notaio. Che dire di questo vino? Per essere un bianco ha un gusto sorprendentemente corposo e intenso che, con un linguaggio ben lontano dall'essere tecnico, definirei ricco di sfaccettature, ovviamente il termine è sbagliato ma quello che voglio dire è che al di là delle note predominanti se ne intuiscono diverse altre meno intense ma che lasciano un retrogusto molto aromatico.


In effetti dando un'occhiata alla scheda tecnica de Il Preliminare leggiamo alla dicitura profumo che questo vino all'olfatto ha un profumo di mandorla e di frutta esotica fresca, ananas, mango e papaia infatti oltre che, come scritto sull'etichetta, adatto a crudità, crostacei e pesce d'acqua dolce io lo vederei benissimo abbinato a dessert, dessert a base di frutta intendo.




Per quanto riguarda le uve, si tratta di un Aglianico del Vulture vinificato in bianco, Malvasia, Moscato, Chardonnay in parti uguali, il resto potrete leggerlo cliccando su questo link >>> http://www.cantinedelnotaio.it/it/prodotti/scheda/?p=13#Il-Preliminare. Vi anticipo però che Il Preliminare 2016 è stato premiato con Medaglia D'Oro dal Concorso Vinologico Città di Pramaggiore anno 2017 e Il Preliminare 2015 ha ricevuto il Bollino Del Buongusto di Puglia e Basilicata dalla Guida Guida al Buongusto della Gazzetta del Mezzogiorno anno 2016. Colgo l'occasione per raccontarvi che proprio in questi giorni Cantine Del Notaio è stata presente al Vinitaly 2018 dove un'altra etichetta Il Rogito 2016 è stato premiato come miglior vino rosato Aglianico del Vulture.


L'azienda agricola Cantine Del Notaio nasce nel  1998 ad opera di Gerardo Giuratrabocchetti, attuale proprietario ma in realtà ha origini molto più lontane che risalgono al nonno che ha trasmesso al nipote l'amore e la passione per la vinicultura. L'azienda deve il suo nome al padere di Gerardo Giuratrabocchetti, perlappunto Notaio.
Cantine Del Notaio non è solo sinonimo di vino ma può vantare fra le sue produzioni anche grappe e olio come potrete vedere liccando su questo link che vi porterà alla pagina dei prodotti http://www.cantinedelnotaio.it/it/prodotti/?m=21#I-Prodotti.

L'azienda è sita in Basilicata, per l'esattezza a Rionero in Vulture in Via Roma, 159.

Contatti

info@cantinedelnotaio.it
tel 0972 723689






domenica 15 aprile 2018

Patate, carciofi e piselli in umido


#LeMieRicette

Oggi vi propongo una gustosissima pietanza che ho preparato per cena ma che in realtà può essere servita anche come secondo o piatto unico a pranzo. E' una ricetta a base di ortaggi ma molto ricca di sapore ed anche sostanziosa grazie alla presenza delle patate. Si realizza molto facilmente come la maggior parte delle mie ricette, per la preparazione e la cottura non servono più de 3/4 d'ora.



Ingredienti
per 4 persone

4 carciofi
4 grosse patate
400 gr di pisellini in scatola (1 lattina)
2 cucchiai di passata di pomodoro
mezza cipolla
un bicchiere d'acqua
olio extravergine di oliva
pepe
sale


Ho pulito i carciofi e li ho tagliati a spicchi. Ho pelato le patate e le ho tagliate a tocchetti non troppo piccoli. Ho affettato sottilmente mezza cipolla, l'ho fatta imbiondire nell'olio extravergine di oliva, vi ho versato sia i carciofi che le patate, ho mescolato per un po' e poi ho aggiunto anche i piselli, 2 cucchiai di passata di pomodoro, sale, pepe ed un bicchiere d'acqua. Ho fatto cuocere il tutto per una ventina di minuti, in ogni caso finchè l'acqua non si è assorbita, con il coperchio. Ho servito in tavola accompagnando la pietanza con fette di pane abbrustolito.






mercoledì 11 aprile 2018

Minestra di crauti e lenticchie con speck croccante


#LeMieRicette

Con l'arrivo della primavera ed il conseguente aumento delle temperature ho deciso di chiudere, con quella che ho preparato oggi, la stagione delle minestre. La chiudo alla grande con questa saporitissima  minestra di crauti e lenticchie con speck croccante  che ho portato in tavola accompagnata da crostini di pane raffermo tostato.



Ingredienti 
per 4 persone

1 barattolo di lenticchie da 400 gr
1 barattolo di crauti al naturale da 400 gr
50 gr di speck
due cucchiai di salsa di pomodoro
1 piccola cipolla
peperoncino
curcuma in polvere
prezzemolo tritato
olio extravergine di oliva
sale
pane tostato


Per prima cosa ho preparato i crostini di pane tostato tagliando a fettine una baghette datata un paio di giorni, abbrustolendoli su una bistecchiera ma si può usare tranquillamente un tostapane o una tostiera. Ho tagliato lo speck a listarelle e l'ho reso croccante cuocendolo per qualche minuto a fuoco medio in un pentolino antiaderente senza aggiungere altri ingredienti. Ho affettato finemente una cipolla e l'ho fatta imbiondire nell'olio extravergine di oliva. Ho aggiunto in seguito prima le lenticchie e poi i crauti. Ho versato un bicchiere d'acqua e due cucchiai di salsa di pomodoro. Ho salato, aggiunto un pizzico di peperoncino e aromatizzato con curcuma in polvere. Verso fine cottura ho spolverizzato con un po' di prezzemolo tritato. Ho aggiunto su ogni porzione un po' di speck croccante.





martedì 3 aprile 2018

Pizza Pasquetta


#LeMieRicette #LeRicetteDelRiciclo #PizzePanzerottiRustici&TorteSalate


Buongiorno e ben tornati, avete passato una bella Pasqua? Avete gustato tanti piatti prelibati della tradizione e non? Se la risposta è sì devo confessarvi che anch'io non ho badato molto alle calorie in questi giorni, devo darmi una regolata altrimenti mi si allarga il giro vita. Dieta a parte, voglio farvi vedere cosa mi sono inventata ieri, la pizza Pasquetta, Avevo uova sode, soppressata e insalata avanzanti dal Benedetto, un antipasto tipico che usiamo preparare noi baresi a Pasqua, così ho deciso di utilizzarli, insieme ad altri ingredienti, per farcire una pizza molto particolare.



Ingredienti

1 base rotonda di pasta brisè
salame soppressata a fette
uova sode
100 gr di funghi champignon
1 mozzarella
foglie di insalata verde
foglie di radicchio
vino bianco qb
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
sale


Ho pulito carciofi e funghi e d ho tagliato entrambi a fettine sottili che ho fatto rosolare insieme ad uno spicchio d'aglio con l'olio extravergine di oliva, ho salato e fatto sfumare con un po' di vino bianco. Ho tagliato la mozzarella a cubetti, il salame e le uova sode a fette. Ho lavato e asciugato le foglie di insalata.




Ho deposto la pasta brisè in un fornetto elettrico nel quale solitamente cuocio la pizza, ho sistemato prima di tutto le foglie di insalata alternando quella verde al radicchio. Ho adagiato su di esse funghi e carciofi trifolati, poi la mozzarella e in ultimo fettine di salame  e di uova sode. Ho fatto cuocere per un quarto d'ora circa alla massima temperatura. Il risultato è stato talmente sorprendente che mia figlia ha deciso che questa pizza sarà negli anni a venire la nostra tradizione famigliare di Pasquetta.


venerdì 23 marzo 2018

Spaghetti alla San Giovanniello con le cime di rapa


#BarInCucina

Quello che vi presento oggi è un primo piatto tipico della cucina barese, una variante degli spaghetti alla San Giovanniello con l'aggiunta delle cime di rapa. Un piatto povero, con pochi ingredienti ma gustoso e stuzzicante.



Ingredienti
per 6 persone

400 gr di spaghetti
1 kg di rape
400 gr di polpa di pomodoro a pezzetti
2 filetti di acciuga
1 spicchio d'aglio
peperoncino qb
olio extravergine di oliva 
sale


Ho pulito le rape lasciando solo le cime e le foglie più tenere, le ho lavate e scolate. Ho fatto dorare l'aglio in una capiente padella ed ho aggiunto i filetti di acciuga sminuzzati, cercando di farli quasi sciogliere mescolando con un cucchiaio di legno. Ho incorporato i pomodori a pezzetti, ho salato, ho aggiunto un po' di peperoncino ed ho lasciato cuocere per una decina di minuti. Ho dato una mezza cottura alle rape in abbondante acqua salata quindi ho versato nella stessa acqua gli spaghetti ed ho lasciato che cuocessero insieme. Ho scolato il tutto e l'ho fatto saltare in padella insieme al sughetto. Ho amalgamato a fuoco basso per un paio di minuti ed ho servito.